martedì 30 ottobre 2012

Consegnata all’Italia la tecnologia Keshe.

 

L'Italia è il primo paese Europeo ad avere la tecnologia Keshe.




Venerdi 26 Ottobre 2012, l’Ing. Keshe, si e’ recato di persona all’Ambasciata Italiana a Bruxellese, ha consegnato un file contenente tutti i progetti costruttivi delle sue stupefacenti tecnologie di energia libera, gratuita e infinita.

Questo è il comunicato di Keshe:

Secondo il principio della Fondazione Keshe di trasferire le sue tecnologie in ogni paese
del mondo, siamo orgogliosi di annunciare che la nazione e il governo d’Italia ha accettato
il trasferimento di tecnologia del programma spaziale della Fondazione Keshe.

Il 26/10/2012 alle 16, come da appuntamento pre-concordato con i funzionari
dell’ambasciata italiana a Bruxelles, in Belgio, il Direttore della Fondazione Keshe MT
Keshe ha consegnato ai funzionari del governo italiano, l’allegato scientifico contenente,
tutti brevetti completi (brevetti pubblici e nascosti) della Fondazione Keshe, il progetto del
reattore spaziale, l’unità di montaggio del reattore e la progettazione della navicella
spaziale.

Così come era avvenuto per il trasferimento di tecnologia con il governo della Sierra
Leone che era nel formato di dati elettronici salvati su una chiavetta USB.

Il funzionario dell’ambasciata ha immediatamente controllato il contenuto della chiavetta
USB e ha confermato che i file di brevetti e disegni schemi sono completamente sulla
chiavetta USB che hanno ricevuto.

La sessione è stata video registrata e secondo il protocollo diplomatico, il video è stato
trattenuto all’interno dei locali del territorio nazione italiana, sarà archiviato e non verrà
mostrato in pubblico, se non diversamente indicato dall’ambasciata italiana e dal governo.
Ora la nazione d’Italia è diventata la prima nazione in Europa che ha accettato il totale
trasferimento della tecnologia del programma spaziale della Fondazione Keshe per
portare pace e prosperità alle nazioni del mondo.

Accogliamo con favore gli scienziati e funzionari del governo italiano e la nazione d’Italia
nel programma spaziale Keshe Foundation.

Durante l’incontro, abbiamo offerto la nostra esperienza e il supporto delle nostre capacità
tecniche, alla nazione Italiana, in accordo con La Fondazione Keshe per seguire gli
sviluppi futuri.

Come da precedenti discussioni, presto porteremo tutte le nazioni ad aderire al
programma spaziale così che insieme che possano scambiare le loro conoscenze su
eguali basi scientifiche.

Vorremmo ringraziare tutte le persone italiane e gruppi della comunità internet che hanno
incoraggiato il loro rappresentante del governo a partecipare all’incontro riservato agli
ambasciatori dei governi di tutto il mondo, del 2012/06/09 presso la Fondazione Keshe, e
ora vediamo i frutti del nostro duro lavoro..

Il trasferimento delle conoscenze è stata effettuata sulla base di nessun onere economico
ed è stato dato gratuitamente alla nazione d’Italia dalla Fondazione Keshe come abbiamo
fatto con le nazioni di Iran e Sierra Leone.

Annunceremo i nomi di più nazioni quando diverranno parte del programma spaziale, nelle
prossime settimane.

Accogliamo con favore la Nazione Italia al programma spaziale attualmente più avanzato,
che consentirà a questa nazione di essere in grado di inviare uomini nello spazio prima
della fine del 2013.

La Fondazione Keshe da il benvenuto a colleghi scienziati italiani a pacifici spazi aperti
dell’universo e al nostro programma spaziale.

Sicuramente nelle prossime settimane e mesi la vostra nazione e la Fondazione Keshe
costruiranno le fondamenta delle tecnologie che permetteranno la prosperità della vostra
nazione e del genere umano.

M T Keshe
Direttore della Fondazione Keshe

2 commenti:

  1. Condiviso, approvato e commentato ;)

    LINK

    RispondiElimina
  2. Ma un commento da parte di qualche scienziato non si potrebbe avere? anche per non farci troppe illusioni ... :-)

    RispondiElimina

Non si accettano offese parolacce o bestemmie. Rispetto e civiltà sono ben accetti. Gli autori non vogliono sostituirsi alla figura medica e non si accettano richieste di cura. Non è possibile in questa sede rispondere a domande riguardo malattie personali ma, solo in linea generale, a scopo informativo e divulgativo.