mercoledì 3 gennaio 2018

Le 5 Leggi Biologiche: un VACCINO contro la “paura”, l’interruttore di tutte le malattie!

Prendo spunto da questo articolo e dal relativo video per tornare su un argomento fondamentale alla base della malattia e della salute: la paura.

La paura è l’interruttore che attiva la malattia(SBS - Speciale programma Biologico Sensato).
Il termine “paura” tuttavia non è da intendersi in maniera letterale bensì molto allargata per poter comprendere ogni situazione in cui il nostro essere multidimensionale percepisca, quasi sempre in maniera inconscia, una situazione di pericolo da cui è necessario divincolarsi.

Il nostro vivere è governato dall’amore, quando c’è amore c’è vita serena e spensierata, si può sperimentare l’esistenza che è uno degli scopi per cui siamo qui, questo lo si evince in particolar modo quando sopraggiunge la paura che frena la vita, ci colpisce dentro, ci destabilizza dal precedente stato di armonia, oggi purtroppo fin troppo effimero, e costringe il corpo ad una reazione automatica che ci consenta il superamento del “pericolo”. Al termine di tale situazione angosciante, che bene o male tutti viviamo anche più volte al giorno con varie colorazioni ed intensità, subentra la malattia a porre rimedio alle modificazioni biologiche indotte nel corpo dalla paura(molto spesso inconscia).

La permanenza prolungata nello stato di paura, tensione, ansia, determina la gravità e la durata del processo biologico di ripristino SBS(malattia) del quale continuano a dirci insistentemente che è un male e che va bloccato ad ogni costo(sempre il nostro!).

Conoscere le reazioni del nostro corpo e le motivazioni del perché questo accade ci permette di sapere dove si trova l’interruttore e molto spesso anche di riuscire a spegnerlo per tempo.

La conoscenza, anche se non ben approfondita, dei processi biologici e del loro senso naturale costituisce una barriera impenetrabile alla paura, una barriera che possiamo ben definire come vaccino, nel senso che ci rende quasi del tutto immuni ad essa tenendoci alla larga praticamente da tutte le malattie, soprattutto le più gravi.

E’ opportuno rappresentare che la malattia non può essere del tutto eliminata, ma quando si scoprono le sue reali cause e funzioni si comprenderà che questo è un bene. 
 

Attraverso la conoscenza dei propri processi corporei, suffragata costantemente dalla diretta esperienza su di sé, la paura di sottofondo che fa da catalizzatore alle patologie, soprattutto quelle più gravi, sarà quasi del tutto rimossa e si potrà facilmente evitare di inciampare nei grandi mali del secolo come ad es. : infarti, sclerosi, tumore, diabete, ecc..

Questo diventa possibile poiché si acquisisce un modo di vivere particolarmente attento alle proprie reazioni e comprendendo le circostanze che conducono alla lunga alle patologie più spaventose si potrà starne abbondantemente alla larga, inoltre conoscendo molto bene se stessi si vivranno anche percezioni(emozioni) molto intense ma scevre della paura che attiva il meccanismo automatico della sopravvivenza comunemente definito malattia.
 
Insomma un vaccino di un’efficacia sorprendente che potenzialmente protegge da ogni patologia, un vaccino che esiste eccome, ma non è in vendita e nessuno, dico nessuno, deve avere accesso ad esso, perché altrimenti il diabolico “gioco” della “sanità” e del controllo si sgretolerebbe irrimediabilmente. 

Queste ed altre motivazioni sono la causa per la quale le 5 Leggi Biologiche vengono combattute, derise, oltraggiate, ostracizzate, taciute e strumentalizzate, inoltre sono controllati gli addetti al settore che comunemente vengono additati come santoni, illusionisti e quindi quando possibile perseguitati nei modi più infimi(leggi), nonostante le evidenze scientifiche non manchino affatto.

La diatrogenesi(non so se il termine esiste) è forse la sola vera causa della morte di un paziente che versa in condizioni cliniche precarie.
La causa diatrogena(da diagnosi) è una paura “tagliente” che si instaura a livello consapevole, ma molto più spesso a livello profondo e arreca danni inimmaginabili poiché il corpo vive in un perenne stato di massima allerta, allerta che lo sfinirà del tutto se non si abbandona quella programmazione mentale potentissima che ci hanno inculcato per secoli.

sabato 23 dicembre 2017

INSIEME, ENTRAMBI

Dedicato alle coppie, agli amici, alla vita .... 



Remate contro vento ? e userete necessariamente le due braccia.
Remate con il vento ? e usando le due braccia arriverete in un lampo.
Ogni vostra cellula contiene come un seme tutte le informazioni per il raccolto seppur una sola cellula non produce ciò che siete .
Le cellule si uniscono e si moltiplicano incessantemente la coppia crea l'UNO , siete formati da due braccia, due mani, due gambe,due occhi, due orecchie, due piedi, nutriti da un cuore, un cervello, formando UN CORPO ...
Nelle vostre relazioni quale cuore nutrite ?
Quando vivete una relazione di coppia state generando un corpo in cui siete gli occhi, le mani, le orecchie e i piedi, siete le due narici siete le due braccia .... e solo nell'unione darete forma ...... insieme ad occhi aperti o chiusi , insieme ed entrambi.
Vivere una relazione è vibrare guidati dal cuore dell'organismo che state nutrendo.
Galleggiamento, Pace e Silenzio per entrare in contatto con l'UNO che formate .
Ampliare la visione serve per scorgere che ci sono molteplici piani coesistenti e ciò che esprimete nel piano terrestre è solo una sfaccettatura della vostra funzione cosmica.
Quando due anime vivono una relazione di coppia nella gioia di servire il cuore comprendendo che ciò che accade all'interno delle loro case è anch'esso parte di un insieme più grande, sapete quale gamba azionate per prima quando iniziate a camminare ? pensate che la vostra mano destra sia arrabbiata perché più sollecitata ? , predominanza di occhio ? Ogni umano utilizza il corpo senza rendersi conto in ogni istante di quale parte sta predominando poiché non importa e così dovrebbe essere all'interno di una relazione . Per applaudire servono entrambe le mani che insieme si uniscono e si staccano ed ecco creato l'applauso.
Una mano scrive e l'altra ? Ciò che scrive non è della mano ma del corpo, e il contenuto è cosmico.
Una coppia si espande con relazioni familiari da DNA e da Amicizia che creano a loro volta parti del corpo Unico. Da quante cellule è composto il vostro corpo ? Le conoscete tutte ? Alcune solo in alcuni momenti ne siete a conoscenza eppure vivono e nutrono lo stesso corpo anche se non le conoscerete mai. Quello che sta accadendo attraverso i Social nel momento attuale terrestre è mettere in contatto cellule sconosciute tra di loro che per risonanza vengono in contatto .
Osservate i gruppi che si formano sempre più numerosi con un intento comune.
Qual'è l'intento della vostra coppia ? Cosa state chiedendo ?

« In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 18,15-20).

Come nutrite le vostre relazioni ?
Il ritrovarsi per nutrirsi insieme è comune in ogni cultura di ogni tempo , perché?
Che sia per una pizza, o il pranzo di Natale l'aspetto comune è INSIEME ...
Nella vostra relazione di coppia state guardando come se voi foste la mano destra lamentandovi della mano sinistra o vedete il corpo che crea ?
Sapete quale gamba azionate per prima quando iniziate a camminare ?
Per raggiungere quel luogo quanti passi avete fatto con Entrambe ed Insieme le gambe ... e dunque ha rilevanza quale gamba ha compiuto il primo passo ?
Nella vostra relazione (che non è solo vostra ma bensì anche vostra) siete presenti in ciò che INSIEME ED ENTRAMBI COMPIETE ?
Pensando al Corpo Coppia ritenete possibile che non siate sempre e comunque INSIEME ENTRAMBI ?
Quando siete seduti le vostre gambe diventano inutili?

La vostre relazioni nutrono ecosistemi di vita in più piani la durata terrestre di una relazione è determinata dalla funzione cosmica del corpo che nutre e di cui viene nutrita . Questo vale per ogni relazioni di coppia al di là che sia denominata di Amore, di Amicizia, di Lavoro, ecc ...

Mettetevi accanto al vostro partner e generate un applauso INSIEME ED ENTRAMBI.
Applaudite l'altro e poi usando una sola mano applaudite con la mano dell'altro e poi con il sorriso negli occhi ... Galleggiamento, Pace e Silenzio per entrare in contatto con l'UNO che formate INSIEME ENTRAMBI


Beatrice "Connessione 123" ( www.beatricecarnaghi.com )

Auguri a tutti noi per queste feste e per un 2018 INSIEME ENTRAMBI 





venerdì 22 dicembre 2017

L’assoluzione del giudizio



Il giudizio è una possibilità di essere compreso o di comprendere. Il giudizio, può essere personale o collettivo, ossia, può essere un pensiero rivolto ad un’altra persona oppure un pensiero storico di gruppo che si tramanda nel tempo. Collettivo o culturale, il giudizio spesso è inserito anche nelle usanze o nelle regole sociali di molte culture. Anche se la gente continua a dire che non giudica, lo fa perché è necessario. Perché è impossibile non farlo. Quello che non si percepisce è la differenza fra il giudicare ed il condannare. Il giudizio è un’opportunità per comprendere. La condanna non lascia possibilità, è la sentenza. 
Abbiamo pensieri sentenziosi continuamente perché essi nascono da un’interferenza fra ciò che siamo e ciò che vediamo al di fuori di noi. Nasce nella paura di perdere ciò che pensiamo sia giusto: l’opinione, il potere e l’ammirazione degli altri. 
Giudicare è naturale e necessario ed è anche una garanzia. Le modalità del giudizio agiscono secondo il tempo storico, la cultura ed il livello di conoscenza delle persone. In qualsiasi dialogo si percepisce il giudizio, ma le persone si affrettano a dire che non stano giudicando ed in realtà è vero, non stano giudicando… ma condannando. 


Il giudice o l’atto del giudizio è tanto antico quanto l’uomo stesso. È da sempre collegato alle figure di potere, alla crudeltà o alla benevolenza. Il giudice era e lo è tuttora, una figura sociale che gode di credibilità rispetto e ricchezza. Il popolo non può compararsi al giudice ed è per questo che temiamo giudicare: non abbiamo il permesso. Nella storia umana sono sempre esistiti gli errori di giudizio, come per esempio, quegli della inquisizione, che seguivano la mentalità ed il comportamento dell’epoca (in quel caso, erano leciti). Condannare ora le religioni, tuttavia, non ha più alcun senso. Forse noi (persone che non giudicano ma che condannano), siamo già pronti a comprendere l’evoluzione ed assolvere il passato imparando, con esso? Può darsi sia un gioco di parole ma se le parole sono l’unico modo con il quale esprimiamo ciò che abbiamo dentro, è bene fare attenzione al linguaggio ed evolvere assieme ad esso.

Luciane A. Dos Santos 
http://www.lucianedossantos.com

martedì 14 novembre 2017

In difesa di Valdo Vaccaro



Ho appena visto il video delle Iene con l'Igienista Valdo Vaccaro e il Dott. Mastrangelo in cui l'intervistatrice insulta entrambi di dire castronerie prive di fondamento scientifico. Scrivo questo post con la speranza che chi lo leggerà, si farà un'idea propria in materia, poi perché sono stufa di questo pseudo-giornalismo d'inchiesta da quattro soldi e perché stimo Valdo Vaccaro e, anche se sa difendersi da solo, sento la necessità di dissentire da questo servizio che comincia con le affermazioni di una persona che poco ne sa di ciò che dice, mettendo così Vaccaro e Mastrangelo sul suo stesso piano. Vi metto qualche link sull'argomento in modo che possiate sapere cosa vuol dire esattamente che l'HIV non esiste. 


E su coraggio, fatevi un'idea vostra! Tra l'altro, quando avevo 20 anni (ben 18 anni fa), comprai un libro intitolato "Tutto quello che sai è falso" in cui si sosteneva la stessa tesi "negazionista" sull'Aids. Buona lettura.