martedì 26 giugno 2012

L'Acqua è pubblica ma il profitto è privato


 Petizione popolare nazionale sulla gestione del servizio idrico
Al Sig. Sindaco e ai componenti del Consiglio Comunale di ______________________________________________

I sottoscritti cittadini italiani, elettori residenti nel Comune di ___________________________________________,
premesso:
a) che Il Protocollo sui Servizi di Interesse Generale allegato al Trattato di Lisbona prevede:
- un “ampio potere discrezionale delle autorità nazionali, regionali e locali di fornire, commissariare e organizzare servizi di interesse economico generale il più vicini possibile alle esigenze degli utenti” (art.1)
- “un alto livello di qualità, sicurezza e accessibilità economica, la parità di trattamento e la promozione dell'accesso universale e dei diritti dell'utente” (art.1)
- che “le disposizioni dei trattati lasciano impregiudicata la competenza degli Stati membri a fornire, a commissionare e ad organizzare servizi di interesse generale non economico” (art.2);
b) che è possibile ottemperare alle leggi europee, nazionali e locali, sottraendo definitivamente il controllo dell’acqua a soggetti privati, misti (pubblico e privato) o pubblici ma ordinariamente strutturati in forma di Società per Azioni, tutte rispondenti a normative di diritto privato, aventi quale finalità il profitto aziendale;

considerato che i cittadini italiani si sono espressi chiaramente attraverso lo strumento del referendum il 12 e 13 giugno 2011 affinché la gestione del servizio idrico rimanga pubblica, e che il voto dei cittadini è sovrano e richiede rispetto da tutte le istituzioni di ogni livello;

sostenendo l’assoluta necessità che l’acqua sia un bene che appartiene alla comunità e che questo bene sia condiviso dai cittadini e fra i cittadini,
affinché si realizzi una conseguente gestione reale del patrimonio dell’acqua quale bene comune,

RICHIEDONO
l’inserimento nello Statuto Comunale della dicitura: “Il servizio idrico è di interesse generale non economico”.

 I firmatari sono informati, ai sensi dell’art. 13 decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 [Codice in materia di protezione dei dati personali], che possono esercitare i diritti di cui all´art. 7 del codice della privacy 
I dati personali verranno trattati per le sole finalità della presente petizione.

1 commento:

  1. cittadino qualunque27 giugno 2012 08:03

    Dobbiamo provare a postarla ai componenti dell'opposizione comunale, potrebbe essere di loro interesse.

    RispondiElimina

Non si accettano offese parolacce o bestemmie. Rispetto e civiltà sono ben accetti. Gli autori non vogliono sostituirsi alla figura medica e non si accettano richieste di cura. Non è possibile in questa sede rispondere a domande riguardo malattie personali ma, solo in linea generale, a scopo informativo e divulgativo.